fork27 baked4 bars11 crowd

/

#SqualiCafe Siamo andati a provare il percorso corto: ecco il primo resoconto

Ve l’avevamo detto, ed eccoci qua con il report del sopralluogo sul percorso corto della #Squali. Un tracciato che premierà i passisti veloci, capaci di fare alte velocità senza soffrire troppo salite pedalabili come Mondaino. Chiaro che l’esito della gara si vedrà solo negli ultimi chilometri della Panoramica, come già nell’edizione 2018, ma cosa serve per portare a termine la migliore prestazione personale? Noi infatti non ci dimentichiamo che il 90% dei cicloamatori al via della nostra GF lottano non per la classifica, ma con il proprio ciclocomputer. Innanzitutto, il percorso corto della #Squali è alla portata di tutti, disseminato di ristori ultra-forniti e con strade utili a “fare la gamba” anche per chi non è riuscito ad allenarsi a dovere durante l’inverno. Allora, ecco qualche dritta: mai abusare dei rapportoni, stare a ruota soprattutto nei primi chilometri quando il vento potrebbe giocare brutti scherzi, non prendere la salita di Saludecio e Mondaino troppo forte ma tenere un po’ di “gas” per il tratto finale, da Sant’Ansovino alla cima, privilegiando in salita la corona piccola davanti, magari abbinata ad una moltiplica con pochi denti. L’ascesa di Mondaino sarà scalata dai primi in circa undici minuti: quindi, anche per chi va più piano, non è una salita che richiede sforzi prolungati, ma non va sottovalutata. Ricordate di alimentarvi ad intervalli regolari: anche se dovete pedalare per soli 80 chilometri, una barretta consumata sulle creste di Tavullia e Monteluro può essere davvero un toccasana, capace di allontanare l’acido lattico che sicuramente, negli ultimi tornanti prima e dopo Fiorenzuola di Focara, vi attanaglierà le gambe. Chi vuole vincere il percorso corto ha già le proprie “misure” e magari ha anche un bel bagaglio di esperienza, mentre per tutti gli altri, questi consigli possono rivelarsi utili. Magari, diteci la vostra lasciando un commento sotto questo post. E non perdetevi il prossimo #SqualiCafé, online venerdì 1° febbraio!

Intervista a cura di Pierpaolo Bellucci di Pi.Be. Cycling Press

Ph. Filippo Grandicelli